Un progetto di ricerca per le collezioni del Museo Regionale della Ceramica di Deruta

Il Museo di Deruta è ancora una volta sede di un importante progetto innovativo.

Si tratta di un’attività di ricerca dal titolo “Creazione di un database ragionato delle collezioni del Museo Regionale della Ceramica di Deruta”, un progetto relativo al POR UMBRIA FSE 2007-2013 ASSE IV “Capitale Umano”, obiettivo specifico “L”.
La Regione Umbria, approvato l’avviso pubblico per l’assegnazione di aiuti individuali per la realizzazione di progetti di ricerca finalizzato al potenziamento dell’attività di ricerca e di trasferimento tecnologico nelle imprese, nelle università, nelle agenzie e nei centri di ricerca pubblici e privati, preso atto dei risultati dell’attività di valutazione dei progetti presentati da svolgersi presso soggetti ospitanti privati, ha approvato la relativa graduatoria generale di merito.
Tra i progetti approvati e finanziati c’è la proposta del dott. Matteo Antonelli, beneficiario dell’aiuto individuale per la realizzazione dell’attività di ricerca, che ha scelto la società Sistema Museo (gestore del Museo di Deruta) come azienda ospitante e il Museo Regionale della Ceramica come sede operativa.

Dal 2 aprile scorso Matteo Antonelli sta svolgendo la sua attività di ricerca, che avrà una durata di 12 mesi, con scadenza 31 marzo 2014; la tutela scientifica è garantita dal conservatore del museo, il prof. Giulio Busti, mentre il tutoraggio è affidato a Barbara Cassetta di Sistema Museo, che avrà un ruolo di monitoraggio rispetto al regolare svolgimento di tutte le fasi del progetto, della tempistica e dei risultati attesi.

Il progetto è finalizzato alla creazione di una banca dati ragionata polifunzionale il cui corpus è costituito dall’inventario delle opere conservate nel Museo di Deruta, uno strumento informatico di facile consultazione a disposizione di tutti gli utenti del museo, che offrirà la possibilità di effettuare ricerche incrociate su più livelli attraverso una indicizzazione mirata delle chiavi di ricerca; tale strumento si configura come un “inventario funzionale aperto”, costantemente aggiornabile e utilizzabile da esperti e studiosi, ma anche da quell’utenza (che include le scuole del territorio e le aziende artigiane locali) che spesso manifesta interesse per quelle informazioni di carattere inventariale non facilmente reperibili.
Il software sarà a disposizione degli utenti a progetto ultimato e sarà interattivo, grazie all’installazione di un terminale nella sala deposito, così da rendere il museo una realtà non solo visitabile, ma interrogabile e viva.

Tra le finalità dell’attività di ricerca emerge la sistemazione scientifica e la rotazione delle collezioni (per un rinnovamento costante dell’offerta espositiva), l’organizzazione di mostre temporanee tematiche e il potenziamento dell’offerta didattica del museo (attività facilitate dalla grande varietà di informazioni ricavabili dal database), la possibilità di interazione con il mondo dell’istruzione e della ricerca (il database sarà a disposizione di docenti, ricercatori, studiosi), nonché una ricaduta positiva sulla realtà produttiva locale, grazie all’opportunità di nuovi spunti e informazioni per la diversificazione delle tipologie morfologiche e storico-artistiche alla base della produzione artigianale derutese.

Tale arricchimento dell’offerta contribuirà a configurare il Museo di Deruta come polo di attrazione e centro innovativo di studio e ricerca, collocandolo nella sua dimensione originaria di “museo per i lavoranti in maiolica”, un vero museo di arti applicate al servizio della produzione ceramica e promotore della diffusione della cultura tradizionale derutese.

 

Per informazioni:
Sistema Museo
c/o Museo Regionale della Ceramica di Deruta
Tel. +39 075.9711000
deruta@sistemamuseo.it